Blog estate: Effetto Dunning-Kruger (10/02/2021)

La Meloni non entra nella coalizione di governo ma è disposta ad aiutare patriotticamente Mario Draghi. Lei che aiuta Draghi. Capite?  Direi che siamo in pieno effetto Dunning-Kruger (*). Ho sempre detto che più della cattiveria e dell’ignoranza mi fa paura la non consapevolezza dei propri limiti. Ecco. Secondo me non c’è nessuna differenza in questo ragionamento con quello che fanno i no-vax contrapponendosi alla medicina ufficiale. D’altra parte, come Salvini, non ho mai sentito la Meloni esprimersi sula vaccino anticovid. Credo che anche lei abbia troppi “fan” tra i no-vax per esporsi.
Ma poi lei parla sempre come se non fosse mai stata al governo e fosse arrivata da pochi anni. E’ in politica dal 1998 ed è “a carico nostro” dal 2006, quando aveva 29 anni.  E’ stata Ministro dal 2008 al 2011 nel governo Berlusconi. Riporto da Wikipedia: Giorgia Meloni fu definita come femme fascista dall’università statunitense Johns Hopkins University; nel 2006 ha dichiarato di avere un «rapporto sereno con il fascismo»; ha in seguito sostenuto che Mussolini «è un personaggio complesso, va storicizzato»; sulle leggi ad personam ha sostenuto che «bisogna contestualizzarle. Sono delle leggi che Berlusconi ha fatto per se stesso. Ma sono leggi perfettamente giuste». Capito?

(*) L’effetto Dunning-Kruger è una distorsione cognitiva a causa della quale individui poco esperti in un campo tendono a sopravvalutare le proprie abilità autovalutandosi esperti a torto, mentre al contrario persone davvero competenti hanno la tendenza a sottostimare la propria reale competenza. Come corollario di questa teoria, spesso gli incompetenti si dimostrano estremamente supponenti. (Wikipedia)

Blog estate: Le serie che ho visto: Bangla (30/04/2022)

Un piccolo fenomeno “cult” questo “Bangla“, prima film nel 2019 e poi serie tv adesso. E vi consiglio di vederli entrambi nella stesso ordine. Li trovate su Raiplay e, la serie, è anche dal 27 aprile al 6 maggio su Raitre.

Bangla, come dicevo, è un film del 2019 scritto, interpretato e diretto da Phaim Bhuiyan (premio David di Donatello che miglior regista esordiente). Phaim, anche nel film, è un giovane musulmano di origini bengalesi nato in Italia. Vive con la famiglia a Roma, a Torpignattara, quartiere romano multietnico, lavora in un museo e suona in un gruppo. Ad un concerto incontra Asia, suo esatto opposto: istinto puro, nessuna regola. Tra i due l’attrazione scatta immediata e Phaim dovrà capire come conciliare il suo amore per la ragazza con la più inviolabile delle regole dell’Islam: niente sesso prima del matrimonio. La serie prosegue il film senza soluzione di continuità. Io ne sono stato conquistato, per la freschezza e la simpatia del protagonista e per le situazioni descritte.  Il film dura 83 minuti, la serie sono 8 episodi di circa mezz’ora ciascuno.  Leggerezza ma non solo. Ci si commuove qualche volta e forse si comprende cosa si prova ad essere nati in Italia e dover aspettare fino a 18 anni per essere considerati italiani. Buona visione. Magari vi viene voglia di gustare una bella  pasta alla Currybonara 😊.

Blog estate: Bruciamo le mascherine (09/09/2020)

Non potevo aspettare per proporvelo, qualora non l’aveste visto. Non potevo inorridire e intristirmi solo io davanti a tanta stupidità umana. Io sono allibito. E in più penso che queste persone… voteranno. Guardate il video e tenetevi forte.