Ho perdonato errori quasi imperdonabili

Ho perdonato errori quasi imperdonabili, ho provato a sostituire persone insostituibili e dimenticato persone indimenticabili.
Ho agito per impulso, sono stato deluso dalle persone che non pensavo lo potessero fare, ma anch’io ho deluso.
Ho tenuto qualcuno tra le mie braccia per proteggerlo; mi sono fatto amici per l’eternità.
Ho riso quando non era necessario, ho amato e sono stato riamato, ma sono stato anche respinto.
Sono stato amato e non ho saputo ricambiare.
Ho gridato e saltato per tante gioie, tante.
Ho vissuto d’amore e fatto promesse di eternità, ma mi sono bruciato il cuore tante volte!
Ho pianto ascoltando la musica o guardando le foto. Ho telefonato solo per ascoltare una voce.
Io sono di nuovo innamorato di un sorriso.
Ho di nuovo creduto di morire di nostalgia e… ho avuto paura di perdere qualcuno molto speciale (che ho finito per perdere)… ma sono sopravvissuto! E vivo ancora! E la vita, non mi stanca… E anche tu non dovrai stancartene.
Vivi! È veramente buono battersi con persuasione, abbracciare la vita e vivere con passione, perdere con classe e vincere osando, perchè il mondo appartiene a chi osa!
Charles Chaplin

Ho ritrovato questo scritto che mi piace molto e ho pensato di proporvelo. Tutto qui. Non perché mi rappresenti del tutto. Anzi. Io ho difficoltà a perdonare gli errori imperdonabili. In genere non riesco proprio.

Giornata della memoria 2022

‘È davvero meraviglioso che io non abbia lasciato perdere tutti i miei ideali perché sembrano assurdi e impossibili da realizzare.
Eppure me li tengo stretti perché, malgrado tutto, credo ancora che la gente sia veramente buona di cuore. Semplicemente non posso fondare le mie speranze sulla confusione, sulla miseria e sulla morte. Vedo il mondo che si trasforma gradualmente in una terra inospitale; sento avvicinarsi il tuono che distruggerà anche noi; posso percepire le sofferenze di milioni di persone; ma, se guardo il cielo lassù, penso che tutto tornerà al suo posto, che anche questa crudeltà avrà fine e che ritorneranno la pace e la tranquillità.’
Il diario di Anna Frank

Rocco for President

Le elezioni del nuovo Capo dello Stato ci stanno offrendo uno spettacolo veramente desolante. Questi personaggi da operetta che si divertono, in un momento così delicato dal punto vista pandemico ed economico, credendo di essere spiritosi votando personaggi come Amadeus, Bruno Vespa, Alberto Angela fino a Rocco Siffredi e altri, mi pare davvero sia qualcosa di vergognoso. Non tanto per lo stupido divertimento in sé, quanto perché questi nomi rappresentano tutte persone che hanno dimostrato di saper fare il proprio lavoro e di saperlo fare molto bene (Siffredi compreso). Costoro, che prendono in giro gli italiani,da cui sono stipendiati, cos’hanno dimostrato di saper fare? Veramente pessimi. Senza contare altri ignobili siparietti come quello di Gasparri qui sotto…

Torna alla scuola

Torna alla scuola” canta Teen Angel nella versione italiana di “Grease” (Mal nella prima, storica,  edizione del 1997). Bisogna sicuramente cantarla a Francesca Donato, europarlamentare, che ha dimostrato davvero di non conoscere neppure le proporzioni.  Ha infatti scritto:
Ieri, 18/01/2022, con quasi 90% Italiani inoculati:
– 228.123 contagi
– 434 morti.
Un anno fa, 18/01/2021, senza Pfizer, Moderna ecc:
– 8.824 contagi
– 377 morti.
Fine anche della favola “grazie al vaccino abbiamo ridotto i morti…”
Come per Diego Fusaro qualche tempo fa, il concetto di proporzione non è compreso dai no-vax. Qualcuno le spieghi che se si considera il numero totale di contagi attuali, nonostante il numero più elevato di decessi, si nota che le percentuali sono state completamente abbattute rispetto a un anno fa. Attualmente, i morti sui positivi sono lo 0,19%, mentre un anno fa i morti sui positivi erano il 4,27%. Per un totale di un 78% di morti in meno in seguito alle vaccinazioni. Non mi pare difficile da comprendere.
E la signora Donato è una Parlamentare Europea in quota Lega (da cui ora è uscita). Eletta dagli italiani. Non da me comunque. Torna alla scuola!

Mi rendo disponibile

Sapete che oggi cominciano le votazioni per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica Italiana. Pare che i partiti abbiano serie difficoltà per la scelta del candidato adatto.  Se proprio nessuno volesse accettare, con questo post faccio sapere che io mi rendo ufficialmente disponibile. Mi pare di avere anche l’età adatta: non giovane ma nemmeno decrepito. Se bisogna mettersi a disposizione del bene della collettività non posso tirarmi indietro. E poi stare a Roma non mi dispiacerebbe affatto. Sì, lo so. Una donna sarebbe meglio e più trendy. Vi segnalo allora mia moglie, anche se credo che lei non sarebbe del tutto d’accordo.
Del resto se si sono autocandidati Silvio Berlusconi e Gianna Nannini posso farlo pure io, no? Grandi elettori: pensateci!
Mi segnalano che si è candidato anche Rocco Siffredi. Allora davvero non ho speranza …
Io però prometto PIÙ MUSICAL PER TUTTI!
Sigla!